top of page

Devendra Banhart live al Teatro Dal Verme di Milano


A quattro mesi dal suo ultimo album "Ma", Helado Negro remixa il pezzo "Love Song" contenuto nel succitato disco del cantautore americano Devendra Banhart dandogli una nuova vita e libertà di viaggiare come dice lo stesso Devendra a Pitchfork.


In questo disco troviamo un Devendra cambiato che si trova ad affrontare, attraverso i tredici brani, tre filoni narrativi: il primo è l’identificazione della musica e dell’arte come madre, il secondo è l’osservazione del rapporto padre-figlio attraverso i componenti della band che sono tutti genitori e il terzo è la volontà di ricongiungersi e di aiutare la sua terra natia, il Venezuela, ma senza riuscirci a causa del governo di Maduro.


Il disco, cantato in quattro lingue – portoghese, giapponese, inglese e spagnolo – abbraccia diversi stili: il folk, il pop, la musica giapponese e venezuelana.


Il brano più esotico è sicuramente "Kantori Ongaku" che significa musica country in giapponese e che è un tributo a Haruomi Hosono. "Ma", infatti, è nato durante lo scorso tour asiatico e i brani sono stati scritti in un tempio di Kyoto.


A proposito di tour, Devendra torna a Milano il prossimo 9 febbraio al Teatro Dal Verme con la partecipazione straordinaria di Vetiver. Domani, 21 gennaio, usciranno altre due date del suo tour italiano.


Insomma, un evento da non perdere!





Comentários


bottom of page