top of page

MIXER - Crudele ironia: come iniziare l'anno nel modo giusto

L’anno nuovo è arrivato e con lui è tornata Mixer, la nostra rubrica che propone serie tv, film, podcast con un tema diverso ogni mese. Il filo conduttore di questo mese è: crudele ironia. Troverete una serie tv decisamente iconica, un film, un podcast pregiatissimo, un artista e un gioco da tavolo che stuzzicheranno la vostra voglia di rispondere con ironia alla vostra poco simpatica zia quando all’Epifania vi farà del bodyshaming perché “non hai già mangiato abbastanza durante le feste?” o la vostra meravigliosa amica vi paragonerà alla Befana. Anche quest’anno. E ricordatevi sempre che una risata è più forte di un milione di grida (cit.) ma una risposta ironica – se detta al momento giusto – sarà la vostra salvezza.



SERIE TV: "BORIS", 2007-2022 (Wilder, The Apartment)


Tra le vette più alte delle serie tv italiane troviamo senza dubbio alcuno l'iconica "Boris", giunta di recente alla quarta stagione e celeberrima protagonista di meme e battute di ogni tipo, online ed offline. Una caratterizzazione dei personaggi spaziale, un coinvolgimento emotivo importante per la presenza di tanti di quei cliché e dinamiche tipicamente italiane a tipizzare una troupe di registrazione che ricalca lo stereotipo delle serie tv dozzinali che affollano le reti tv pomeridiane e serali da tempo immemore, fanno di questa serie uno specchio dell'italia contemporanea con un sarcasmo tanto spesso da diventare satira pura. Completano il capolavoro presenze importanti: da Pannofino nel ruolo di regista, a due terzi dei fratelli Guzzanti a impreziosire ogni puntata, Pietro Sermonti ad inscenare l'egocentrico giullare di corte e la sua controparte femminile Carolina Crescentini. Passando per una miriadi di altre stelle che ciascuna in misura importante ha reso Boris quello che è oggi agli occhi di tutti, un capolavoro di comicità e ironia dalla leggerezza sferzante e crudele.



FILM: "LE FOLLIE DELL'IMPERATORE", 2000 (Walt Disney)


“Le Follie dell’Imperatore” è un film che non sarebbe dovuto nascere. Non come lo conosciamo noi almeno. Eppure negli anni si è rivelato uno dei più grandi successi della Disney: sarà per la storia, sarà per i personaggi esilaranti, sarà il doppiaggio con le sue battute iconiche o l’insieme di tutti questi elementi che rendono “Le Follie dell’Imperatore” memorabile e amato dal pubblico. Ironizzano sui buchi di trama, si fanno beffa della figura dell’antagonista e del suo aiutante (“Lo so Kronk, si chiama crudele ironia, come la mia dipendenza dal tuo aiuto” dice Yzma a Kronk). Se l’avete già visto, riguardatelo. Se non l’avete mai visto, vergognatevi e correte a guardarlo. Lo trovate su Disney+, oh yeah!



PODCAST: "CACHEMIRE" di Edoardo Ferrario e Luca Ravenna


Edoardo Ferrario e Luca Ravenna portano avanti da dicembre 2020 “Cachemire”, il pregiatissimo podcast dove i due comici accompagnati dal fonico Carmelo Avanzato, il giovane videomaker Tahir Hussain e le “Cachemirine” le compagne dei due comici Alice Oliveri e Cecilia Attanasio. Tutti insieme ogni settimana affrontano diversi argomenti, ogni volta dandone una piega ironica e tagliente anche accompagnati da ospiti. Il podcast dopo la pandemia, ha iniziato ad incontrare il suo pubblico attraverso un tour, diventando di fatto un vero e proprio spettacolo in cui il pubblico interagisce con l’intero cast creando dinamiche divertenti e del tutto inaspettate. Quello che vi farà recuperare tutte le puntate su YouTube e Spotify non solo è la capacità di intrattenere di Edo e Luca ma anche il modo in cui raccontano le loro esperienze e i loro punti di vista, il modo in cui tirano dentro il resto del team e un po' anche chi li sta ascoltando, è il modo genuino in cui strappano una risata, è guardare con intelligenza una certa situazione e riuscire a tramutarla in un momento d'ilarità che però, vi assicuro, vi lascerà qualcosa a cui pensare a fine puntata.




ARTISTA: Elio e le Storie Tese


Banale, vero? Però con un tema come “crudele ironia”, sarebbe un crimine non citare la band che in Italia, quantomeno sull'ironia, ha saputo giocare meglio di chiunque, conquistandosi anche un posticino nel mainstream con le sue 4 partecipazioni al Festivàl. Non ho saputo scegliere un disco, quindi vado schietto schietto al punto: questo paragrafo è dedicato a tutti, ma soprattutto a chi non si è mai convinto ad ascoltare Elio e le Storie Tese e vuole iniziare ora. Vi consiglierò 5 canzoni imprescindibili, crudelmente ironiche, per poter apprezzare il genio di questa band: "Cara ti amo" (delirante dialogo uomo-donna tastiera e voce, stereotipi a gogo e una perla dietro l'altra), "La Vendetta del Fantasma Formaggino" (un remake della celebre barzelletta, qui entriamo nel prog e i sei ci sguazzano), "Li Immortacci" (i celebri musicisti venuti a mancare fanno parte di un grande gioco e sono nascosti a Roma "a fa la bella vita", se non becchi tutte le citazioni dai un occhio qui), "Urna" (citazioni a Foscolo, giochi di parole, una base rock moooolto spinta e anche qui un po' di crudele ironia sul trapasso), "La Terra dei Cachi" (valsa un secondo posto a Sanremo falso come una banconota da 2€, una manciata di satira e luoghi comuni sul nostro paese).


GIOCO: "Exploding Kittens", 2015


Star indiscussa del web e delle gif di buongiorno di parenti vari, i gattini sono stati immolati al sacrificio di un gioco, "Exploding Kittens", che fa delle esplosioni di mici il fulcro dell'esperienza ludica. La struttura del gioco è comune a molti giochi di carte a turni, pescando ogni turno e perdendo il gioco nel momento in cui si pesca una carta "Exploding Kitten", a meno di non avere una carta di defuse e scampare il pericolo, rimandando la carta esplosiva nel mazzo e potenzialmente indirizzandola a qualcuno nei turni successivi. Fanno da cornice narrativa del gioco delle illustrazioni davvero ben fatte e dinamiche di gioco perfette per rovinare amicizie e storie di lunga data. Per queste fredde giornate invernali, un crudele gioco dalla discutibile etica animalista per passare una serata alternativa ed esplosiva.


Comentarios


bottom of page