• Martina Strada

La DPCM Squad con "Una Canzone Come Gli 883" unisce la beneficenza e la nostra infanzia

Max Pezzali e Lo Stato Sociale uniscono un gruppo di amici, lo chiamano DPCM Squad, cantano "Una canzone come gli 883" e raccolgono fondi per i professionisti della musica.


Ci sono Max Pezzali e Lo Stato Sociale che riuniscono un sacco di artisti e cantano insieme. Non è l'inizio di una barzelletta o di un aneddoto divertente quanto la base di un progetto nato un anno fa ma che vede la luce in questi mesi di buio per dare un aiuto concreto ad artisti, musicisti, autori, tecnici, coloro del settore che sono stati maggiormente colpiti dagli effetti della pandemia di Coronavirus.

Oltre a Pezzali e i regaz de Lo Stato Sociale, ci sono anche altri nomi della scena musicale e non come Cimini, Eugenio In Via Di Gioia, Pinguini Tattici Nucleari, Fast Animals And Slow Kids, La Pina,J-Ax, Jake La Furia, Emis Killa, Marco Giallini, Pierluigi Pardo e Nicola Savino. Il brano "Una canzone come gli 883", prodotto da Boss Doms, esce oggi ma è stato anticipato ad EPCC Live con Ale Cattelan martedì 2 giugno, con un video girato al Museo Novecento di Milano.

Il video ufficiale della canzone è stato realizzato da Tito Faraci e Roberto Recchioni, due star del fumetto (un grande amore di Max) affiancate dal noto regista Giorgio Testi. La copertina, infine, è stata realizzata da Paolo "Ottokin" Campana, che si è anche occupato della creazione del logo di DPCM Squad.

Tutti i proventi saranno devoluti al fondo Spotify COVID-19 Sosteniamo La Musica di Music Innovation Hub, promosso da Fimi.


Per ogni euro donato a Music Innovation Hub, infatti, Spotify ne verserà un altro, raddoppiando così i fondi messi a disposizione per sostenere il mercato italiano della musica.


State pronti quindi ascoltarla in loop non solo per la buona causa ma anche perchè ogni rimando agli 883 sarà un grande revival delle vostre vite e delle avventure e sfighe passate.

  • telegram
  • Black Icon Spotify
  • Black Icon YouTube

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO

© IndieVision.it