Lo spettacolo coinvolgente di Achille Lauro Superstar With Electric Orchestra - Live Report

Martedì 5 luglio, San Siro Ippodromo, Milano. Se già nel capoluogo lombardo la temperatura era alta, con l’inizio dell’Achille Lauro Superstar with electric orchestra il caldo si è sentito di più.

Anticipato da Gow Tribe, Achille Lauro regala uno show coinvolgente e trascinante con una scaletta densissima cantata da tutto il pubblico presente. Guardando la folla non c’erano solo ragazze e ragazzi in media sui venticinque anni ma anche insospettabilmente famiglie con bambini piccoli le quali, una volta stesa una coperta lontana dalla ressa, hanno ballato e cantato tutto il repertorio proposto.

Lauro è un vero perfezionista e questo lo si sapeva da tempo: sul palco tra le luci e i fuochi d’artificio gioca con le pose, flirta col pubblico, interagisce con la band.

Ogni cosa è perfetta, sta esattamente dove deve stare e fa ciò per cui è pensata (anche la base della voce su alcuni che brani che tutto è meno che piacevole). Anche l’orchestra Magna Grecia che accompagna l’artista per una decina di canzoni fa sentire non solo la potenza delle canzoni ma anche quelle Sanremo vibes a cui siamo abituati una volta l’anno e un solo, unico ospite: Boss Doms che suona durante "Rolls Royce".


Quello che però ha reso la data di Milano ancora più speciale è stato il progetto NFT live SUPERART ideato da De Marinis Group insieme agli studenti della BigRock school con i partner PwC Italia, LIVENow e The Nemesis ossia opere d’arte generativa “sound-reactive” sulle note di "Solo noi", "Roma", "Marilù", "Rolls Royce", "C’est la vie" realizzate interamente a scopo benefico che saranno poi messe all’asta come NFT in autunno, al termine del tour, su Crypto.com a supporto dell’Associazione “Comitato Maria Letizia Verga” per lo studio e la cura della leucemia del bambino.


È stato davvero un bellissimo concerto, partecipato e sentito. Andate a vedere Achille Lauro, godetevi una serata studiata nei minimi dettagli e orchestrata magistralmente e non sottovalutate i suoi testi perché dietro al “Occhi ghiacciolo” e al “No non è amore è un sexy shop” ci sono parole e concetti che sono universali. Come il ballare ad un concerto e sentirsi se stessi.


SCALETTA


1. INTERLUDIO 1 + INTRO

2. DELINQUENTE / GENERAZIONE X

3. MALEDUCATA

4. ME NE FREGO

5. FEMMINA

6. “MEDLEY TRAP” (Bonnie&Clyde / Ulalalà / Thoiry)

7. ZUCCHERO

8. INTERLUDIO 2

9. STRIPPER

10. FIORI ROSA

11. SABATO SERA

12. LAURO / BARRILETE COSMICO

13. DOMENICA

14. “MEDLEY SAMBA” (Teatro&Cinema / Mamacita / Amore mì / Bvlgari 1920)

15.ROMA

16.INTERLUDIO 3

17.intro + BAM BAM TWIST

18. SOLO NOI

19.COME ME

20.1969

21.PESSIMA + interludio Pianoforte

22.MARILU’

23.INTERLUDIO 4

24. SUITE (intro + Cadillac / intro + Latte+)

25.PENELOPE

26. LA BELLA E LA BESTIA

27.16 MARZO

28.ROLLS ROYCE

29.INTERLUDIO 5

30. intro + SCUSA

31.C’EST LA VIE