• Enrica Barbieri

Grovigli, il nuovo EP di Arianna Poli


“Grovigli” è il nuovo EP di Arianna Poli, uscito oggi, 20 marzo, per Sonika Recording. Un anno e mezzo fa, la giovane cantautrice di Ferrara iniziava il suo percorso da solista pubblicando il suo primo lavoro in studio dal titolo “Ruggine”, dove al centro c’è il racconto della gioventù di un ventenne, fatta di sentimenti contrastanti, di corse in macchina e di musica ad alto volume.


Arianna in tutto questo tempo ha portato le sue canzoni sui palchi di diversi club in tutta Italia, e ha deciso così di chiudere questo percorso proprio con questo nuovo EP, composto da tre brani.

Grovigli è il tassello mancante a qualcosa che è nato molto tempo fa – spiega la cantautrice - Spesso, voltandosi a guardare i giorni trascorsi ci si accorge di errori, mancanze, dimenticanze; spesso qualcosa è stato omesso e lascia nel presente alcuni piccoli vuoti che creano confusione, scompiglio, come fili di lana non arrotolati in maniera precisa."

"Finché esisto" è la prima traccia che ci fa immergere nell'universo di Arianna, fatto di accordi di chitarra e delle sue parole sincere. Uno dopo l'altro, i versi raccontano un'esistenza, descritta come racchiusa in una bolla che possa garantire la giusta protezione, fatta di rapporti umani che ci fanno soffrire, di corse contro corrente, di esami superati e di notti passate in bianco.


"Occhi chiusi che sognano vite diverse da questa,

ma forse ogni volta ci si ritrova qui a dire: Che cosa farò?"

Non potevano esserci parole migliori per descrivere la sensazione di incertezza e inquietudine che i giovani provano nel momento in cui si trovano a dover affrontare le piccole situazioni quotidiane della realtà, dalla maturità, agli anni dell'università, dalla ricerca di un lavoro al capire cosa si vorrà fare da grandi, pensando questi tempi come lontani. Quando, in momenti come questi, si vorrebbe solo prendere un aereo e partire, Arianna ci racconta invece di lei che corre in città, cercando in coraggio di andare avanti e lasciarsi alle spalle ciò che non funziona. Questo è quello di cui si parla in "Ryanair", secondo ed ultimo brano inedito presente nell'EP.

"Grovigli" si conclude con una cover di "Quando tornerai dall'estero" un brano storico de Le luci della centrale elettrica e uno di quelli più amati dalla cantautrice di Ferrara.

Le copertine di "Ruggine" e "Grovigli" risultano uguali come disegno ma diversi come colori: infatti con l'EP d'esordio Arianna mostra il suo volto in una cover rossa e nera, qui invece troviamo un bianco e nero, volutamente scelto per rappresentare l'identità del suo percorso, ma anche il cambiamento avvenuto in questi mesi.


Non mi resta che augurarvi buon ascolto!


  • telegram
  • Black Icon Spotify
  • Black Icon YouTube

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO

© IndieVision.it